201806.25
0

Il personale militare che abbia maturato, al 31 dicembre 1995, non meno di 15 e non più di 20 anni di servizio utile a pensione, ai sensi dell’art. 54 del d.P.R. 1092/1973, ha diritto all’applicazione della percentuale fissa del 44% della base pensionabile – sistema misto (confermato di recente dalla Corte dei Conti della Puglia – clicca qui per saperne di più).

Per rendere più semplice la comprensione della campagna legale, abbiamo predisposto le FAQ (risposte alle domande più frequenti).

Per ulteriori dubbi e per ricevere una valutazione gratuita del vostro caso, inviate il questionario scaricabile cliccando qui via mail a info@legal-team.it

  • Al 31 dicembre 1995, avevo maturato 17 anni di anzianità contributiva e la mia pensione è stata liquidata con il sistema misto, posso partecipare al ricorso?

Nel nostro ordinamento, nel passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo è stato previsto un regime transitorio.

Definiamo meglio i due sistemi di pensionamento.

Da un lato abbiamo il sistema retributivo, che si applica, per le pensioni militari, a coloro i quali alla data del 31 dicembre 1995 avessero maturato più di 20 anni di servizio utile ai fini contributivi (anzianità contributiva).

Dall’altro, abbiamo il sistema contributivo che si applica a coloro che al 31 dicembre 1995 avessero maturato un’anzianità contributiva inferiore alle 15 annualità.

Nel passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo è stato previsto il regime transitorio del sistema misto che, ai sensi dell’art. 54 del d.P.R. 1092/1973, si applica al personale militare che alla data del 31 dicembre 1995 avesse maturato tra i 15 e i 20 anni di anzianità contributiva; questi hanno diritto, per i primi 15 anni di servizio all’applicazione di un’aliquota di rendimento pari al 35,9%, dal 15° fino al 20° anno di servizio di un’aliquota di rendimento pari al 44%.

Al fine di valutare se effettivamente al 31 dicembre 1995 fossero stati maturati tra i 15 e i 20 anni di anzianità contributiva, occorre tenere in considerazione la previsione di cui all’articolo 5 del d.lgs. 165/1997, secondo cui è previsto un aumento figurativo di un anno ulteriore per ogni 5 anni effettivi di servizio.

Pertanto, ad aver maturato, al 31 dicembre 1995, l’anzianità contributiva necessaria per chiedere il ricalcolo potrebbero essere gli ex militari arruolatisi tra il 1981 ed il 1983.

  • La mia pensione è stata liquidata con sistema retributivo, posso aderire all’azione?

Purtroppo no. Ai sensi dell’art. 54 del d.P.R. 1092/1973, coloro che sono stati liquidati con il sistema retributivo non potranno procedere con ricorso.

  • Non sono ancora andato in pensione ma vorrei già aderire all’azione, posso farlo?

Purtroppo no, per promuovere l’azione è necessario attendere la liquidazione della pensione e, se il calcolo operato dall’INPS sarà errato, allora sarà possibile agire.

  • Applicando l’art. 54 del d.P.R. 1092/1973, a quanto ammonterebbe la mia pensione se rientrassi nel caso descritto?

Si potrebbe stimare un aumento della pensione mensile variabile tra € 150,00 e € 250,00 circa.

  • Aderendo al ricorso, ho diritto al ricalcolo anche dei ratei maturati in passato?

Si, ma con un limite. Il ricalcolo, oltre che per i ratei futuri, sarà effettuato per i ratei maturati nei 5 anni precedenti alla la presentazione della prima istanza di riesame.

  • Durante la mia carriera ho perso lo status di militare, ma quando mi sono arruolato ne ero in possesso, posso partecipare al ricorso?

Certamente. Il possesso dello status di militare deve sussistere al momento dell’arruolamento, e non per l’intera carriera. Quindi potranno aderire all’azione anche coloro che si siano arruolati nella Polizia di Stato prima del 25 giugno 1982.

  • Non ho inviato l’istanza di riesame del provvedimento di liquidazione della pensione con applicazione della corretta aliquota all’INPS, posso comunque rivolgermi a voi per proporre ricorso?

Certamente, prima però invieremo per suo conto un’istanza di riesame. Se l’Ente non darà risposta positiva entro 120 giorni, proporremo il ricorso innanzi alla Corte dei Conti.

  • Ho inviato l’istanza di riesame del provvedimento di liquidazione della pensione chiedendo l’applicazione dell’aliquota corretta all’INPS, è passato molto tempo e non ho proposto ricorso. Posso partecipare?

Se sono trascorsi 3 anni dalla risposta negativa dell’Ente o dalla scadenza dei 120 giorni dall’invio dell’istanza, non è purtroppo più possibile proporre ricorso.

  • Mi sono arruolato nella Polizia di Stato posso aderire all’azione?

Si, ma in determinati casi. Non potranno aderire coloro che si siano arruolati nel Corpo della Polizia di Stato dopo il 25 giugno 1982. Potranno proporre il ricorso coloro che si sono arruolati nella Polizia Penitenziaria che alla data del 31 dicembre 1995 avevano il requisito dell’anzianità contributiva richiesto.

  • Mi sono arruolato nei Vigili del Fuoco posso aderire all’azione?

Si, potranno aderire coloro che si sono arruolati nei Vigili del Fuoco perché il sistema di calcolo pensionistico è identico a quello previsto per i militari.

  • Mi sono arruolato nella Polizia Penitenziaria posso aderire all’azione?

Si, potranno proporre il ricorso coloro che si sono arruolati nella Polizia Penitenziaria che alla data del 31 dicembre 1995 avevano il requisito dell’anzianità contributiva richiesto.

Per ulteriori informazioni e per aderire al ricorso clicca qui