201807.23
0

Una società “X” partecipa e si aggiudica una gara per la manutenzione degli impianti.

Durante la verifica dei requisiti, la SA rileva la presenza di debiti fiscali a carico di “Y” che è società incorporata dalla concorrente “X” e SA annulla l’aggiudicazione disponendo l’esclusione dalla gara.

Nei fatti era accaduto che:

– prima della scadenza del termine per la presentazione delle domande, la società incorporata “Y” era priva del requisito fiscale ex art. 80, comma 4, Codice dei contratti;

– la concorrente (società incorporante “X” e incorporata “Y”) partecipava alla gara dichiarando di essere in regola da un punto di vista fiscale;

successivamente alla presentazione delle domande e prima dell’aggiudicazione l’Agenzia delle Entrate accoglieva la richiesta di rateizzazione presentata prima della scadenza del termine di partecipazione alla gara.

La società impugna il provvedimento lesivo al TAR che però rigetta il ricorso evidenziando che:

– l’incorporante risponde anche dei requisiti per conto dell’incorporata;

– l’esclusione dalla gara anche dopo la fase dell’aggiudicazione è giustificata dall’art. 80, comma 6, che sancisce il principio secondo cui i requisiti di partecipazione devono essere posseduti in qualunque momento della procedura (dalla fase di presentazione delle domande fino all’aggiudicazione);

– la concorrente non avrebbe potuto partecipare alla gara in quanto, per soddisfare il requisito di regolarità fiscale, la domanda di rateizzazione avrebbe dovuto essere accolta prima della scadenza del termine di partecipazione alla gara;

– inoltre, e come conseguenza, l’esclusione è giustificata anche per aver presentato dichiarazione non veritiera in ordine al possesso del requisito fiscale.

(TAR Lazio Roma, Sez. II ter, 17/07/2018, n. 8011)