201805.01
0

Il caso:

  • un Comune respinge l’istanza di un privato per la Concessione Demaniale Marittima richiesta ai fini dell’esercizio di attività turistico-ricreative.

Presupposto del diniego:

  • la necessità di una previa gara.

I giudici concordano perché:

  • secondo la Direttiva Bolkestein, una importante sentenza della Corte di Giustizia UE del 2006 e una della Corte Cost. del 2017, a partire dal 2020, non solo nessuno “stabilimento” potrà essere oggetto di una concessione in proroga, ma neanche di una nuova concessione diretta, dovendo passare per un appalto pubblico;
  • in tale senso, milita anche l’art. 37 del Codice della Navigazione, che, infatti, stabilisce la necessità che i Comuni scelgano il concessionario con il miglior progetto rispetto all’interesse pubblico.

Quindi, ATTENZIONE:

  • dal 2020 in poi, a meno di modifiche normative, gli attuali concessionari e titolari della gestione di stabilimenti balneari rischiano seriamente di non ottenere proroghe, di dover affrontare la concorrenza e di dover “passare la mano” ad altri, in caso di mancata aggiudicazione della gara.

(TAR Puglia Lecce, 14/04/2018, 644)